world

ITALIA

EVENTO NAZIONALE 

19 giugno 2014 ore 10.30 – 13

 

Il 19 giugno 2014 PRODOCS ha promosso, presso la Sala della Mercede della Camera dei Deputati, la Tavola rotonda “Cittadinanze plurime: Civica, Multiculturale, Sovranazionale” al fine di dibattere sulla cittadinanza come elemento di primaria importanza per uno stato democratico inclusivo che riconosca diritti fondamentali uguali a ogni cittadino che sia nazionale, europeo o di Paese terzo risiedente nell’Unione europea.

La Sala della Mercede, gremita di pubblico, anche di altre città italiane e paesi UE, ha sottolineato l’importanza del tema della Tavola rotonda al centro del dibattito politico del nostro Paese e i relatori hanno offerto una riflessione con spunti di analisi idonei a far scoprire percorsi di innovazione, proiettando la definizione di cittadinanza in ambito comunitario per favorire l’integrazione dei cittadini di qualsiasi appartenenza nazionale, e in ambito internazionale, per estendere i diritti umani ad ogni persona.

 

A fare gli onori di casa l’on. Edoardo Patriarca, componente della Commissione Affari Sociali della Camera, ha sottolineato la necessità “di vivere la dimensione di una società aperta” e di interpretare il futuro in una prospettiva diversa per cui la cittadinanza diventerebbe lo strumento più importante dello Stato nazionale a tutela delle persone.

 

La prof.ssa Anna Maria Donnarumma, rappresentante legale dell’ONG organizzatrice PRO.DO.C.S., ha poi approfondito il modello della cittadinanza articolato su molteplici livelli di appartenenza, da qui la scelta del titolo, affermando che si devono riconoscere cittadinanze differenziate per costruire comunità di diritti e per valorizzare le differenze tra cittadini residenti sullo stesso territorio che sono sempre chiamati a partecipare alla costruzione della comunità politica di appartenenza. Da superare il conflitto tra ius sanguinis e ius soli per l’attribuzione dei diritti politici, scegliendo uno ius dignitatis humanae che accomuni ogni persona, al di là dei confini nazionali.

 

L’on. Cécile Kyenge, eurodeputata che non ha potuto partecipare per impegni di presenza a Bruxelles, ha inviato una lettera, enfatizzando il riconoscimento della cittadinanza italiana per persone di altre nazionalità come un dato di fatto, ovvero il radicamento della persona alla nostra terra, alle sue usanze e alla sua cultura.

 

Il prof. Fabio Baggio, preside di Scalabrini International Migration Institute, presso l’Università Urbaniana di Roma, ha contribuito con un intervento centrato sulla visione antropologica della cittadinanza che al giorno d’oggi si muove nella cosiddetta “città globale”. Il nuovo concetto di cittadinanza, slegato da quello di nazionalità, è costituito da tre principali elementi: l’appartenenza, la partecipazione e la responsabilità.

 

Il prof. Pier Virgilio Dastoli, presidente del Consiglio italiano del Movimento Europeo CiME, ha evidenziato il profilo democratico dell’Unione per cui il tema della cittadinanza europea è diventato rilevante a partire dal Trattato di Maastricht entrato in vigore nel 1993, tanto che nel 2013 è stato proclamato l’Anno europeo dei cittadini europei (EYCA). Per quanto riguarda la cittadinanza per i cittadini di Paesi terzi gli Stati membri, purtroppo, a partire dalla crisi internazionale del 2007 hanno attuato in merito politiche più restrittive, anziché aprirsi ulteriormente come stabilito. Per questo motivo, ha auspicato, grazie anche al contributo delle organizzazioni della società civile, azioni di cittadinanza attiva per aprire ed operare “nei cantieri dell’Unione Europea” vigilando, insieme alle Istituzioni di competenza, perché si attuino le Raccomandazioni proposte e si riescano ad armonizzare con le normative degli Stati Membri dell’Unione.

 

Ad arricchire il dibattito sulla possibilità di modifiche di legge ed uno ius soli temperato anche gli interventi programmati di: Simona Moscarelli, consigliere legale Ufficio di Roma dello IOM, Stefania Dall’Oglio, segretario generale del CIDU del Ministero degli Affari Esteri, Francesco De Moro per conto di Daniela Salvati dell’UNICRI, Alessandro Pistecchia dell’UNAR, Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV, Silvia Stilli, portavoce AOI, Francesco Petrelli, portavoce Concord Italia, René Manenti, direttore CSER.

 

A moderare Nino Santomartino, consigliere Focsiv e componente dell’esecutivo AOI.

 

L’evento ha ricevuto i patrocini di Focsiv, AOI e Forum Terzo Settore Lazio e di numerose istituzioni e organismi: Rappresentanza della Commissione Europea In Italia, Ministero Affari Esteri (CIDU), Commissione Nazionale Italiana per L’UNESCO, International Organization For Migration, European Network Against Racism, Coordinamento Europeo per il Diritto degli Stranieri a vivere in Famiglia, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, Comitato per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani, CiME, Roma Capitale.

3_IMG_6011
2_MG_6059
1_IMG_6017

 

2° SEMINARIO NAZIONALE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE

Verso un nuovo umanesimo attraverso la revisione dei curricoli scolastici europei
27/28/29 novembre 2014, Rossano Calabro

 

Seminario realizzato nell’ambito del Progetto

Critical review of the historical and social disciplines for a formal education suited to the global society

 

Il seminario è stato un punto di riferimento per la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado di istruzione – in particolare favorendo la partecipazione del personale docente delle Regioni del Sud Italia – una formazione volta a introdurre l’educazione alla cittadinanza globale nei curricoli scolastici di storia, geografia ed educazione civica attraverso una loro revisione tematica e metodologica.

È stato riconosciuto dal MIUR quale attività di formazione e aggiornamento per il personale della scuola, prevedendo l’esonero dalle attività scolastiche dei docenti, ai sensi della Direttiva ministeriale (MIUR) n. 90 del 1° dicembre 2003.

Ha ricevuto il patrocinio della USR Calabria e del Comune di Rossano Calabro.

 

Il Seminario ha ospitato diversi studiosi e ricercatori sia dell’ambito universitario, come Antonio Brusa prof. di Storia Contemporanea dell’Università di Bari e Filippo Burgarella prof. di Storia Bizantina dell’Università della Calabria, sia del mondo della scuola e della società civile come Giovanna Cipollari, educatrice per la Ong CVM – Comunità Volontari per il Mondo, Anna Maria Donnarumma, già prof.ssa di storia e filosofia, formatrice esperta in Diritti Umani per la Ong PRO.DO.C.S. e Maria Antonietta Quadrelli, educatrice all’ambiente e alla sostenibilità per il WWF.

Il fil rouge dei temi trattati è stata la storia e la cultura euromediterranea come punto di vista privilegiato per parlare di convivenza, dialogo, integrazione e scontro. In questo ambito la formazione si è articolata su:

*l’analisi del fenomeno migratorio in rapporto all’insegnamento della storia, mostrando un ricco repertorio di pratiche didattiche

*La convivenza nelle città multietniche

*Il colonialismo italiano

*L’educazione alla sostenibilità.

 

Alle relazioni teoriche si sono affiancate le attività laboratoriali dove i docenti hanno potuto partecipare attivamente, sperimentando nuove metodologie didattiche.

 

Hanno partecipato al Seminario circa 150 docenti provenienti da 3 Regioni italiane.

Scarica il programma


 

3° SEMINARIO NAZIONALE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE

Verso un nuovo umanesimo attravrso la revisione dei curricoli scolastici europei

26/27/28 novembre 2015, Palermo

Seminario realizzato nell’ambito del Progetto

Critical review of the historical and social disciplines for a formal education suited to the global society

 

Anche questa edizione seminariale ha promosso una riflessione con un focus sulla rivisitazione scientifica delle materie scolastiche con lo scopo di favorire una conoscenza per atteggiamenti di dialogo e di corresponsabilità nella gestione del comune spazio planetario. Il seminario è stato un punto di riferimento per la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti, e per una programmazione di studio adatta a capire la complessità della società globalizzata in dialogo educativo con le autorità.

Il seminario è stato riconosciuto dal MIUR quale attività di formazione e aggiornamento per il personale della scuola, prevedendo l’esonero dalle attività scolastiche dei docenti, ai sensi della Direttiva ministeriale (MIUR) n. 90 del 1° dicembre 2003.

Ha ricevuto il patrocinio della USR Sicilia e del Comune di Palermo.

 

Ha ospitato diversi studiosi e ricercatori sia dell’ambito universitario, come Antonio Brusa prof. di Storia Contemporanea dell’Università di Bari e Fulvio Vassallo Paleologo, Coordinatore della Clinica legale per i diritti umani (CLEDU) dell’Università degli Studi di Palermo, docente di Diritto d’asilo, che del mondo della scuola e della società civile come Aluisi Tosolini, scrittore e dirigente del Liceo Scientifico Statale “Attilio Bertolucci” di Parma e Anna Maria Donnarumma, già prof.ssa di storia e filosofia, formatrice esperta in Diritti Umani per la Ong PRO.DO.C.S.

 

La finalità della formazione dei docenti è stata sostenuta, oltre che dalle lezioni teoriche dei docenti universitari, anche da una serie di laboratori in cui i corsisti hanno potuto condividere e validare pacchetti didattici da sperimentare in contesto d’aula.

 

Hanno partecipato al Seminario circa 120 docenti provenienti da 3 Regioni italiane.

Scarica il programma